giovedì 16 settembre 2010

Scopiazzando


La cover di Hondo (Franco Bignotti)
La cover di Squali (Galep)

La cover di Sangue Navajo (Galep)



 La cover Lo Stregone (Galep)

 
 La cover Iron Man (Ferri)

La cover di Ai Ferri Corti (Galep)


 la cover La Lunga Notte (Ferri)


La cover La Mano di Allah (Ferri)

La cover Il Mostro della Laguna (Ferri)


 La cover Zagor Attacca (Ferri)

 La cover Rick Master (Galep)


La cover I Mercanti di schiavi (Ferri)

La cover Albo d'Oro Tex (Galep)

Altro materiale "COVERISTICO" Bonelli lo pubblicherò in seguito. Non è mia intenzione screditare gli autori di Tex, Zagor, Hondo etc etc...: si tratta solo di render notoa tutti ciò che è perfettamente visibile in internet. Un pura ricostruzione cronistica!
Non vi è un solo autore sul pianeta, in ogni campo artistico, che non abbia attinto da maestri che lo hanno preceduto: nel mio piccolo (sono un musicista) posso testimoniare che nel mondo delle note accade la stessa cosa! voglio dire che laddove si dovesse scoprire che il tal brano di Bob Dylan sia stato scopiazzato da chissà dove, non riterrei di squalificare il cantautore americano.


Anche il Tex di Sinistri Presagi merità una breve citazione in quanto alcune vignette e le locations (pueblos e caverne) sembrano essere stati ispirati da una storia matitata da Giovanni Ticci per le chine di Alberto Giolitti in una pubblicazione del feb/mar 1962, per l'editrice americana Dell
Ecco il disegno di Galep che fa parte, come dicevo, di Sinistri Presagi, un episodio uscito per la serie a striscia "Pueblo" a partire dal febbraio 1965
 è curioso vedere che non solo la figura del personaggio è ripercorsa dalla matita di Galleppini abbastanza fedelmente, ma sopratutto notare che la location texiana (i ruderi di un vecchio Pueblo abbandonato) è la stessa nella storia di Ticci e Giolitti.
Probabilmente dalla Bonelli arrivarono "consigli" e materiale per suggerire al disegnatore di Tex come interpretare alcune tavole della storia. lo stesso Sagua, il gigante indiano che appare in Sinistri Presagi, sembra essere lo stesso personaggio della pubblicazione americana.



Sotto, un secondo esempio per confutare ogni dubbio!
Da notare che la matita di Galleppini qui è inchiostrata da Raffaele Cormio


Si direbbe che il duo Ticci/Giolitti sia più realistico e fortemente cinematografico rispetto al duo Galep/Cormio, il quale denota un tratto d'avventura popolare, anche vagamente elegante.
Da ricordare che "Sinistri Presagi" è una delle storie di Tex tra le più intricate graficamente, avendoci partecipato anche Virgilio Muzzi e Francesco Gamba



Nessun commento:

Posta un commento